Tutto quello che devi sapere per usufruire delle detrazioni fiscali per risparmio energetico.

sky

In cosa consiste l’agevolazione fiscale per il risparmio energetico? Si tratta di detrazioni dall’Irpef (Imposta sul reddito delle persone fisiche) e dall’Ires (imposta sul reddito delle società) ed è concessa quando si eseguono interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti.

Le detrazioni, da ripartire in dieci rate annuali di apri importo, sono riconosciute nella misura del 65% fino al 31 dicembre 2015 per interventi su singole unità immobiliari esistenti e accatastati o sulle parti comuni degli edifici condominiali. La detrazione d’imposta non è cumulabile con altre agevolazioni fiscali previste per i medesimi interventi da altre disposizioni di legge nazionali.

Cosa succede dopo il 1 gennaio 2016?

Dal 1 gennaio 2016, in teoria, l’agevolazione doveva essere sostituita con la detrazione fiscale prevista per le spese di ristrutturazione edilizia (36%). Con la nuova Legge di Stabilità 2016, approvata dal Consiglio dei Ministri, sono state prorogate le detrazioni attualmente richiedibili al 65% per il risparmio energetico e al 50% per la ristrutturazione fino al 31.12.2016.

Gli interventi per cui è possibile richiedere le detrazioni sono i seguenti:

  • Riqualificazione energetica di edifici esistenti (detrazione massima 100.000 euro)
  • Interventi sull’involucro degli edifici (detrazione massima 60.000 euro)
  • Installazione di pannelli solari (60.000 euro)
  • Sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale (30.000 euro)
  • Acquisto e posa in opera di schermature solari (solo per il 2015 – detrazione massima 60.000 euro)
  • Acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili (solo per il 2015 – detrazione massima 30.000 euro)

Ovviamente per l’ottenimento delle detrazioni è necessario che tali interventi devono essere conformi ai requisiti tecnici richiesti dalla legge vigente.

Chi può richiedere le detrazioni?

Tutti i contribuenti che possiedono a qualsiasi titolo l’immobile oggetto di intervento: i proprietari, i condomini, gli inquilini, coloro che hanno l’immobile in comodato, i familiari conviventi che sostengono le spese per la realizzazione dei lavori.

Come fare i pagamenti?

E’ necessario effettuare i pagamenti mediante bonifico bancario o postale. A seguito dei pagamenti è necessario conservare le singole fatture o ricevute fiscali comprovanti le spese effettivamente sostenute per la realizzazione degli interventi.

Cosa bisogna fare?

Per beneficiare dell’agevolazione fiscale è necessario trasmettere in via telematica all’ENEA entro 90 giorni dalla fine dei lavori alcuni documenti che devono essere rilasciati da tecnici abilitati. Nello specifico si tratta di una scheda informativa relativa agli interventi realizzati, di un attestato di qualificazione energetica e di un’asseverazione che dimostri che l’intervento realizzato è conforme ai requisiti tecnici richiesti. La ricevuta di invio di tali documenti all’ENEA va conservata insieme alle fatture e alle asseverazioni.

Se vuoi saperne di più consulta la guida predisposta dall’Agenzia delle Entrate.

Non vi sembra un buon motivo per migliorare la vostra abitazione?

I nostri tecnici ti possono aiutare nella scelta dei migliori interventi e nella redazione della pratica ENEA. Ti aspettiamo!

One thought on “Tutto quello che devi sapere per usufruire delle detrazioni fiscali per risparmio energetico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>